COMPETENZE

Negli anni ottanta, il successo imprenditoriale delle PMI italiane era divenuto una delle etichette più prestigiose, per il business, in tutto il mondo e le scuole non facevano che partorire ragionieri, geometri, periti – in pratica, se eri in possesso di una valida preparazione in campo commerciale e tecnico, il posto di lavoro era assicurato.

A chiunque avesse optato per discipline umanistiche, scientifiche , artistiche, e dunque non tecniche, gli veniva prospettato un futuro tutt’altro che roseo e nella migliore delle ipotesi pieno di sacrifici sottopagati; così io iniziai la mia carriera col piede giusto: diventai un  operatore di Controlli Non Distruttivi (CND – vedere la sezione dedicata). Un super tecnico che maneggia tubi catodici ad alta tensione per l’emissione di raggi X, isotopi radioattivi, resistenze termoelettriche, ultrasuoni, campi magnetici e un’infinità di altre diavolerie. Con una preparazione elettrotecnica e fisica degna di un …”premio nobel”, :)) conseguii una qualifica di livello internazionale (RINA QUACER) che mi permetteva di operare nei cantieri più tecnologici sia nel territorio nazionale che all’estero, dalle piattaforme petrolifere alle raffinerie petrolchimiche; dalle centrali termonucleari a quelle elettriche; dalle linee di metanodotti e acquedotti alle condotte forzate di dighe e bacini idrici, come pure nelle officine specializzate in manufatti destinati alle più svariate applicazioni industriali nei paesi di tutto  il mondo.

Ciò significava: trasferta tutto l’anno, vitto e alloggio pagati, emolumenti mensili compresi fra le 3 e 5 mensilità di un operaio adulto specializzato. Il lavoro era così dinamico e allo stesso tempo entusiasmante, che ogni esperienza mi lasciava con un bagaglio di nozioni tecniche sempre più incentivante.   L’acquisizione di tutto questo know-how è stata per me di rilevante importanza, innanzitutto per la mia crescita professionale, e poi perchè mi ha, in qualche modo, “sollecitato l’intelletto” aprendolo a nuovi stimoli culturali, desideri di conoscenza, di apprendimento…

Iniziai ben presto sentirmi motivato ad intraprendere nuove sfide perlopiù di carattere imprenditoriale, in ragione della mia spiccata intraprendenza.  Partii dal settore commerciale per poi orientarmi sempre più nel campo consulenziale dei servizi, il cui inserimento mi veniva facilitato dagli studi che nel frattempo si stavano sviluppando; tutti a indirizzo umanistico, erano iniziati già durante l’esperienza nei CND che, come ho detto, aveva consolidato in me nuove capacità generali e nuove attenzioni culturali.

Per questo motivo tale esperienza nei CND figura in questo mio resume, anche se, ora, stiamo parlando di “comunicazione”.

Pagine correlate:

Annunci

I commenti sono chiusi.

Talete di Mileto
Socrate - Affinità; vedi "studi"

Ricerca per argomenti

affinità Antropologia Formazione

Blog Stats

  • 8,923 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: